La proposta

Grazie alla sentenza 242/2019 della Corte costituzionale sul caso Cappato/Antoniani, l’aiuto medico alla morte volontaria, il cosiddetto “suicidio assistito”, oggi in Italia è possibile per le persone malate che possiedono i requisiti previsti dalla Consulta.

Eppure, nonostante la possibilità di ottenere questo tipo di aiuto, il Servizio Sanitario non garantisce tempi certi per effettuare le verifiche e rispondere alle persone malate che hanno diritto di porre fine alla propria vita.

Così le persone maggiorenni affette da patologie irreversibili, con gravi sofferenze fisiche o psicologiche, pienamente capaci di prendere decisioni libere e consapevoli, tenute in vita da trattamenti di sostegno vitale, che intendono interrompere la propria vita, rimangono in attesa di ASL e Comitati Etici territoriali che, per svolgere le loro funzioni di verifica delle condizioni, possono impiegare mesi. Un tempo che molte persone che hanno bisogno di essere aiutate a morire non hanno.

Per questo, nel rispetto delle competenze territoriali, con l’Associazione Luca Coscioni raccogliamo firme per delle proposte di legge regionali che garantiscano il percorso di richiesta di “suicidio” medicalmente assistito e i controlli necessari in tempi certi, adeguati e definiti.

Le Regioni coinvolte

Al momento le raccolte firme sono previste in:
Abruzzo

Abruzzo

Toscana

Toscana

Emilia Romagna

Emilia Romagna

Liguria

Liguria

Lombardia

Lombardia

Piemonte

Piemonte

Veneto

Veneto

Friuli-Venezia Giulia

Friuli-Venezia Giulia

Attivati

Se vuoi aiutarci a raccogliere le firme necessarie nelle Regioni sopra indicate, puoi dare subito la tua disponibilità indicando qui i tuoi dati: